Archivio tag | donne

La “ruspa” Elsa Fornero ha confessato


Stanotte ho sognato che leggevo che la “Ruspa” Elsa Fornero ha confessato un misfatto il 01/10/2012: “Se ci si laurea male, si hanno competenze modeste che portano poco lontano. Meglio non inseguire un titolo per essere dottori per forza, meglio avere una formazione tecnica spendibile.

La signorotta ha confessato. La dottora “Ruspa” Fornero ha parlato, ha parlato, ha parlato.

La cosa buffa del sogno è che mi sono trovata lì a dirle: Dottora ministressa Ruspa Fornero (vergogna del genere femminile), non sarebbe bene pensare a come migliorare il cesso di sistema universitario che, tra l’altro, dottora, tu rappresenti? Rifletti, osservati, dottora “economista”/bancaria. Tu rappresenti quella università che sforna laureati con “competenze modeste”.
Secondo me sarebbe stato meglio che tu avessi studiato come si zappa la terra e avessi insegnato a zappare la terra. Peccato che non te lo abbiano consigliato da piccola. Lo sai? C’è una grande richiesta di zappatori di terra specializzati.
Pensa te che figata! Nasci, zappi la terra tutta la vita (8 ore al giorno, se hai culo 12 ore al giorno, almeno non hai tempo per porti strane domande), ti pagano quel che basta per vitto e alloggio, (non troppo, perché i tuoi pensieri devono restare ancorati alla preoccupazione della sopravvivenza). E per farti capire che sei qui solo per sopravvivere ti mettono in lizza con altri zappatori di terra (fate a gara a chi guadagna meno e chi lavora di più). Ti tolgono il pane di bocca (no, non il pene, il pane, rileggi bene).
La “Ruspa” Fornero, sei stata una gran perdita per il settore lavorativo degli zappa terra e la tua vocazione di “ruspa” avrebbe avuto grandi soddisfazioni senza che tu facessi danni all’umanità. Ma non disperare, ancora sei in tempo. Lascia tutto e segui le tue doti, vai a zappare la terra. E non credere che uno zappa terra valga meno di una dottora come te.

Italianen terronen, ueeee Sturmtruppen

Italia call center a basso costo

Italiani vucumprà

Statistiche disoccupazione, Istat hai rotto i cavoli a merenda

Il nuovo terzo mondo, dove è? europa del sud

Annunci

Censura autoritaria segue, no comment


Guardate un po’ come, mentre i commenti discorsivi sono censurati e denigrati, i commenti banali passano la censura e si rimpallano, per poi comparire approvato il solito commento “sono d’accordo” (sempre gradito nei sistemi a pensiero unico).

“A causa loro…”  dice la tale del “sono d’accordo”, ma loro chi? Il commento di colui che scrive un evidentemente significativo (secondo i moderatori) “Troppo lungo sto post, che palle.” è degno di essere approvato. Il colui è uno che non gli sta sul culo (un loro simile, non è un “loro”) e quindi ha la concessione di parola. E poi vanno a lamentarsi dei reality tv pieni di minchiate, davvero belli i loro dibattiti: il vuoto assoluto tipico delle dittature. Il tutto senza ripensamenti denotando che il pensiero unico è la loro religione.

 

Sono d’accordo


Pensierino del mattino…

Sono d’accordo!

Devo dire che sono d’accordo. Non volevo dirlo, però non posso trattenermi: sono d’accordo.

Sono proprio d’accordo, sono d’accordissimo, sono d’accordata, sono d’accordatamente d’accordo.

Cosa c’è di meglio che essere tutti d’accordo? D’accordate? voce dello antico verbo d’accordare.

Tu sei d’accordo? no!? eeee… se non sei d’accordo chi se ne frega!

TACI!

nuovo femminismo autoritario

Nuovo femminismo autoritario?


Vergognoso autoritarismo da parte di sedicenti femministe emule di atteggiamenti dei despoti e caratteristici dei peggiori sistemi autoritari.
Ma l’autoritarismo è compatibile con il femminismo? e quindi delle autoritarie possono definirsi femministe?

E’ compatibile l’autoritarismo con un movimento che si dice promotore di libertà e critico di atteggiamenti discriminatori?

Non contente dell’incredibile censura del commento:

“conosco quello che raccontate, ma non condivido la reazione, anche se la comprendo”.

commento cancellato, poi pubblicato dopo richiesta, a cui è seguita risposta dittatoriale e senza possibilità di rispondere (anzi la signora pseudo-femminista ha definito la risposta sul presente blog “spammare”, poiché contiene il link al sito pseudo-femminista).

Sono seguiti commenti nel sito dispotico pseudo-femminista senza dare la possibilità di rispondere, mentre continuano a pubblicare solo i commenti a supporto del loro autoritarismo, senza dare alcuna informazione stabile ai lettori che si tratta di un luogo di censura (delle opinioni e delle idee)

Questi comportamenti sono quelli tipici delle dittature, atteggiamenti non dissimili da quelli di cui si lamentano quando vanno nelle piazze a dimostrare.

Pare di capire che la loro aspirazione sia sostituire un dominatore con un altr* niente affatto la libertà.

– censura 1 Come rimanere di stucco in 4 minuti

– censura 2 La femminista comica autoritaria

La femminista comica


Ieri sono rimasta di stucco in 4 minuti.

Oggi, dopo essermi ripresa dallo stucco, ché per fortuna c’ho l’anti-stucco, mi devo restare di stucco ‘naltra volta in ben 2 minuti soli.

Ebbene, la femminista comica (ché fa un po’ ridere, epparecchio, una femminista autoritaria) non si limitò soltanto a censurare le risposte al suo auto-ritarismo censorio immotivato, bensì, rispose nel suo blog pseudo-femminista senza alcun link alla risposta verso di lei critica (pubblicata in codesto blog perché nel loro censurata) e lo fece con parole schizzate veramente dal vuoto del suo nulla intellettuale, ché appellarsi a me come misogina fa davveroamente ridere per non dire piagnere dal ridere.

La poveretta, il cui tutto cotale e cotanto autoritarismo è solo per aver io scritto:

ariaora ha scritto

“conosco quello che raccontate, ma non condivido la reazione, anche se la comprendo”.

dicevo, la tale sedicente femminista, non si è limitata ad infierire su un povero partecipante (…1984) che nel suo post ha appellato con nomignoli e irriso, chè a lei, la donna eccelsa, lui le sta antipatico e noioso (e quindi non ha diritto di esprimersi, e voi tutti, che per la femminista-comica siete monnezza lo dovete intuire, immaginare, ché la femminista comica non si abbassa a comunicar con voi); ma, dicevo… oltre a far ciò, la femminista-comica ha associato me al nomignolo da lei inventato per definire tutto ciò che le è di noia e vi fa una mistura di nulla e di vocaboli messi a caso.

E dire che oggi volevo riposare tranquillamente invece mi tocca dare di olio di gomito l’anti-stucco come ieri… uffa.

Vabbè, x fortuna che ogni tanto si sogna!

Tutti i colori dell’autoritarismo


Pensierino comico del mattino sull’autoritarismo.

Quanti colori c’ha l’autoritarismo?

Tutti li colori dello arcobaleno, disse il saggista

*°*°*

Vocabolario serio sull’autoritarismo

http://www.treccani.it/enciclopedia/autoritarismo/

http://it.wikipedia.org/wiki/Stato_autoritario

*°*°*

altri pensierini:

italianen terronen

come rimanere di stucco in 4 minuti

la dittatura sta nel nome?

Terzo mondo europa del sud

Come rimanere di stucco in 4 minuti


Ho commentato un post su femminismo a Sud, pessima idea, ma credevo fosse un luogo ove si rivendica, e indi si garantisce, libertà di opinione (in fondo a questo post c’è lo screenshot). Evidentemente il mio breve commento non è stato gradito (in particolare la parte ove ho scritto “non condivido”):

conosco quello che raccontate, ma non condivido la reazione, anche se la comprendo.

E meno gradito è stato il mio rispondere per difendermi dagli interventi autoritari, al paro livello di quelli che definiscono bullisti. Ché loro (che scrivono sempre il perché senza per) sono le meglio del reame e tutto il resto è monnezza.

Ultimamente ho seguito alcuni blog che si classificano femministi, perché mi dicono che sono femminista, mi accusano di essere femminista e volevo capire in cosa consiste il femminismo (visto che poco lo conosco) sul campo, non sui libri. Continua a leggere